Archivi del mese: aprile 2011

AFIDI NERI

Abbiamo passato parte del pomeriggio a ” lavare” le foglie del ciliegio coperte letteralmente di afidi.
C’erano anche alcune coccinelle. Le abbiamo catturate e riposizionate dopo il lavaggio, visto che era impossibile eliminare tutti gli afidi. Domani si ricontrolla, e dobbiamo pensare a una soluzione.

L’Afide nero del Ciliegio o Myzus cerasi è un afide di colore nerastro lucido, allo stadio adulto, è più chiaro negli stadi giovanili; le sue dimensioni sono circa di 2 mm di lunghezza. L’Afide nero colonizza le foglie ed i germogli. Il danno si manifesta sulle foglie, che si deformano e si accartocciano, e sui germogli a causa delle punture dell’insetto.
Si possono verificare danni anche ai peduncoli dei frutti o alle ciliegie, con gravi ripercussioni sulla produzione. Infine l’Afide nero produce abbondante melata. In primavera nascono le neanidi che evolvono in fondatrici; queste originano una serie di generazioni la cui massima presenza, sul Ciliegio, si ha tra la fine di aprile e i primi giorni di giugno con sovrapposizioni di varie generazioni.

Afide nero del Ciliegio

(foto da http://www.agraria.org)

In estate compaiono le migranti che si portano gradualmente sugli ospiti secondari, abbandonando il Ciliegio.
In autunno ritornano sul Ciliegio per deporre l’uovo durevole (può essere che alcune femmine partenogenetiche rimangano sul Ciliegio anche in estate e vi chiudano il ciclo in autunno).

Tra i nemici naturali degli Afidi ci sono i Coleotteri Coccinellidi (Adalia bipunctata, Coccinella septempunctata e C. decempunctata), i Rincoti Antocoridi: generi Orius e Anthocoris, iNeurotteri Crisopidi, i Ditteri Sirfidi ed altri. Si possono usare insetticidi a base di piretro.

Annunci

La festa del Kaki Tree

Stamattina, alla presenza delle autorità comunali e della stampa, abbiamo festeggiato il kaki tree, finalmente messo a dimora nel giardino della scuola. Una mattinata intensa per i preparativi (grazie alla 1aA, che ha ritagliato, incollato e dipinto le decorazioni, disegnato gli alberi e decorato i cartelloni; grazie a tutti i ragazzi che hanno scavato sotto il sole; grazie ai “segretari distratti” Matteo e Susanna; grazie alla fotografa Simona, autrice di tutte le foto qui pubblicate, e di molte altre; grazie alla prof. Rotundo che ha scelto la poesia letta da Caterina e Luca; grazie al prof. Moschetta che ha accompagnato con la chitarra il coro dei ragazzi; grazie a Geraldina Strino di Giardini Preziosi per gli origami e il coordinamento con la primaria, il Comune e la stampa; grazie alle docenti delle terze del plesso Frank-Einaudi e ai loro alunni che hanno portato il loro lavoro sugli alberi; grazie ai ragazzi della primaria M. Galli e alla loro insegnante che hanno idealmente preso in consegna il kaki tree e l’orto) e poi via, nell’orto.


Nell'orto per la cerimonia

Del buon terriccio per il Kaki Tree

Decorazioni

Un caco per la pace

Presto le foto di tutta la cerimonia!

Oggi, 27 aprile 2011: piantiamo il Kaki Tree

La SMS Breda ha partecipato al progetto Kaki Tree – Revive Time adottando un albero di kaki discendente dall’albero di kaki sopravvissuto alla bomba atomica di Nagasaki.

L’albero, un Diospyros kaki riportato alla vita grazie alle cure del dottor Masayuki Ebinuma, medico degli alberi, è il protagonista di una speciale cerimonia nella quale bambini, ragazzi ed adulti si scambiano un messaggio di pace e, attraverso l’arte, diventano testimoni della forza vitale che anima il kaki tree e prevale su morte e distruzione.

Miyajima Tatsuo, un importante artista giapponese attivo nel Kaki Tree Project, ha scritto che ogni azione per realizzare il progetto è arte e che tutti, attori e spettatori, sono artisti: con l’arte liberiamo la bellezza nascosta in noi e interagendo possiamo farlo.  Ecco perché è importante incontrarci e condividere il momento della messa a dimora del Kaki Tree e la bellezza di questo istante.

L’alberello è arrivato dal Giappone, dopo essere stato sottoposto a rigorosi controlli fitosanitari, un paio di settimane prima del tragico terremoto che ha colpito la nazione del Sol Levante.

La tragedia della bomba atomica

E’ il 6 agosto 1945 ad Hiroshima, in Giappone. Sono le otto e quindici minuti; un ultimo giro di lancetta e gli orologi si fermano, a fissare per sempre l’ora dell’apocalisse giapponese e l’inizio dell’era atomica. In un solo istante la storia cambia, nasce una nuova epoca e con essa nuove paure. Per la prima volta la fine del mondo appare come un’ipotesi plausibile; l’uomo ha costruito armi che, se usate su larga scala, sono in grado di provocare la sua stessa estinzione.

Prima della bomba

Prima della bomba

Alle 8 e 15 e 17 secondi del 6 agosto si aprono gli sportelli del bombardiere; una volta che la bomba è stata sganciata, l’aereo, pesando molto meno, si alza verso l’alto. Il comandante Paul Tibbets ordina all’equipaggio di mettersi gli occhiali di protezione. “Little boy”, questo il nome che è stato dato alla bomba date le dimensioni ridotte dell’ordigno, impatta il suolo 43 secondi dopo. Una palla di fuoco appare a circa 600 metri di altezza e un calore insopportabile si diffonde per decine di chilometri. Nel punto dell’esplosione la temperatura nell’aria raggiunge molti milioni di gradi Celsius (contro la temperatura massima di 5000 gradi delle bombe convenzionali). Più di 100.000 persone muoiono quello stesso giorno, in conseguenza della deflagrazione. La città giapponese viene letteralmente livellata dall’esplosione; l’onda d’urto rade al suolo praticamente tutti gli edifici, ad eccezione di pochissimi, che diverranno poi simbolo del tragico evento.

Il Ground Zero

Tre giorni dopo un altro velivolo statunitense, non trovando un’apertura nelle nubi del suo obiettivo primario, la città di Kokura, si dirige verso il secondo obiettivo programmato, la città di Nagasaki, sulla quale sgancia una bomba analoga a quella di tre giorni prima. Anche a questa seconda è stato dato un nome: si chiama “Fat man”, per le sue dimensioni maggiori rispetto alla precedente. A causa della sua esplosione, il 9 agosto, a Nagasaki muoiono 74.000 persone. Sono quasi tutti civili; uomini, donne e moltissimi bambini.

Il fungo atomico

Le testimonianze degli Ibakusha 

In giapponese Ibakusha  significa letteralmente “persona esposta alla bomba”. La vita dei sopravvissuti della catastrofe atomica non è stata facile, costretta tra rimozione sociale, emarginazione, vergogna di essere stati in qualche modo “contaminati” e senso di colpa di essere rimasti vivi in mezzo a tanti morti.

C’è un elemento che accomuna tutte le testimonianze oculari delle esplosioni ed è il fatto che ciò che accadde superò ogni immaginazione e si fissò nella memoria di ciascuno come un ricordo incancellabile. Anche i dettagli spesso si somigliano: il cielo che si annerisce all’improvviso, l’insopportabile vampata di calore, e i particolari agghiaccianti della pelle che si stacca dal corpo, dei volti gonfi e tumefatti, degli occhi bianchi, degli edifici che crollano come fossero di cartapesta e di un sibilo continuo e insopportabile che perfora i timpani. L’odore di morte, simile allo zolfo, gli sbuffi di vapore che provengono dal terreno surriscaldato, lo stupore di essere vivi e la certezza che da quell’istante, la propria esistenza non sarebbe stata più la stessa.

Un ragazzo con il suo fratellino ustionato

Improvvisamente, nel cielo, al di sopra del fiume, vidi una massa d’aria straordinariamente trasparente che risaliva la corrente. Ebbi appena il tempo di gridare “Una tromba” che già un vento terribile ci colpì. I cespugli e gli alberi si misero a tremare; alcuni furono proiettati in aria da dove ricaddero come saette sul tetro caos. Si aveva l’impressione che il riflesso verde di un orribile inferno venisse a stendersi al di sopra della terra. (…) Dopo il passaggio della tromba, ben presto il crepuscolo invase il cielo. Incontrai mio fratello maggiore il cui viso era ricoperto come da una sottile pellicola di pittura grigia. Il dorso della sua camicia era ridotto a brandelli e scopriva una larga lesione che somigliava ad un colpo di sole. Risalendo con lui la stretta banchina che costeggia il fiume, alla ricerca di un traghetto, vidi una quantità di persone completamente sfigurate. Ve ne erano lungo tutto il fiume e le loro ombre si proiettavano nell’acqua. I loro visi erano così orrendamente gonfiati che appena si potevano distinguere gli uomini dalle donne. I loro occhi erano ridotti allo stato di fessure e le loro labbra erano colpite da forte infiammazione. Erano quasi tutti agonizzanti ed i loro corpi malati erano nudi. Quando passavamo vicino a questi gruppi, ci gridavano con voce dolce e debole “Dateci un po’ d’acqua”, “Soccorretemi, per favore”; quasi tutti avevano qualche cosa da chiederci. (…) Le persone morivano l’una dopo l’altra e nessuno veniva a portar via i cadaveri. Con l’aria sconvolta, i vivi erravano tra i corpi. Si videro allora tutte le rovine nelle strade principali. Uno spazio vuoto e grigio si estendeva sotto un cielo di piombo. Soltanto le strade, i ponti ed i bracci del fiume erano ancora riconoscibili. Nell’acqua galleggiavano cadaveri dilaniati, gonfiati. Era l’inferno divenuto realtà.(…) Tutto ciò che era umano, era stato cancellati (…). Ebbi l’impressione di non esser venuto sulla terra che dopo l’esplosione della bomba atomica. (Lettera da Hiroshima, di T. Hara)

dal  sito di Rai Educational, dove puoi trovare il testo completo.

Poesie di pace per il Kaki Tree

I blog del corso A e il blog dell’Orto della Breda si preparano per la cerimonia del Kaki Tree.  Abbiamo trascritto dei messaggi di pace. Sono parole scritte da persone diverse, di età diversa, di paesi e culture diverse.

Gli scienziati ci ricordano che possiamo scegliere come costruire il nostro futuro, se agendo per un maggiore benessere dell’umanità o se andare verso la distruzione della nostra specie. Altri ci dicono che è possibile sperare e sognare, altri che dobbiamo vigilare e agire per promuovere la pace, altri ci ricordano il dolore e l’orrore che comporta la guerra.

Se vogliamo, possiamo avere davanti a noi un continuo progresso in benessere, conoscenze e saggezza.
A. Einstein

Vi chiediamo … di considerarvi solo come membri di una specie biologica che ha avuto una storia importante e della quale nessuno di noi li può desiderare la scomparsa.
Dal Manifesto di Russell-Einstein – 9 luglio 1955

Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra.
Gino Strada

Le guerre appaiono inevitabili, lo appaiono sempre quando per anni non si è fatto nulla per evitarle.
Gino Strada

Non c’è strada che porti alla pace che non sia la pace, l’intelligenza e la verità.
Mahatma Gandhi

Sono fermamente convinto che la verità disarmata e l’amore disinteressato avranno l’ultima parola.
Dal discorso pronunciato alla consegna del Nobel, 11 dicembre 1964 -Martin Luther King

Cerchino, tutte le nazioni, tutte le comunità politiche, il dialogo, il negoziato.
Papa Giovanni XXIII

All we are saying is give peace a chance – Tutto quello che stiamo dicendo è dare una possibilità alla pace
John Lennon

Imagine all the people living life in peace … Immagina tutta la gente che vive in pace
John Lennon

Dormi sepolto in un campo di grano
non è la rosa non è il tulipano
che ti fan veglia dall’ombra dei fossi,
ma sono mille papaveri rossi.
Fabrizio De Andrè

Padroni della guerra
voi che costruite i grossi cannoni
voi che costruite gli aeroplani di morte
voi che costruite tutte le bombe
voi che vi nascondete dietro i muri
voi che vi nascondete dietro le scrivanie
voglio solo che sappiate
che posso vedere
attraverso le vostre maschere.
Bob Dylan

Io chiedo quando sarà
che l’uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare
e il vento si poserà,
e il vento si poserà.
F. Guccini

Avevo una scatola di colori,
brillanti, decisi e vivi.
Avevo una scatola di colori,
alcuni caldi, altri molto freddi.
Non avevo il rosso per il sangue dei feriti,
non avevo il nero per il pianto degli orfani,
non avevo il bianco per il volto dei morti,
non avevo il giallo per le sabbie ardenti.
Ma avevo l’arancio per la gioia della vita,
e il verde per i germogli e i nidi,
e il celeste per i chiari cieli splendenti,
e il rosa per il sogno e il riposo.
Mi sono seduta, e ho dipinto la pace.
Tali Sorex

Un arcobaleno senza tempesta
questa sì che sarebbe festa.
Sarebbe una festa per tutta la terra
fare la pace prima della guerra.
Gianni Rodari

Ci sono cose da non fare mai,
né di giorno né di notte,
né per mare né per terra:
per esempio, la guerra.
Gianni Rodari

La guerra che verrà
non è la prima.
Prima i sono state altre guerre.
Alla fine dell’ultima
c’erano vincitori e vinti.
Fra i vinti la povera gente
faceva la fame.
Fra i vincitori faceva la fame
la povera gente ugualmente.
B. Brecht

Il Kaki Tree Project

Si avvicina la data della messa a dimora del nostro alberello! Leggi la storia qui!